martedì 15 marzo 2011

Uccide 120 gatti a Milano

Circa 120 cuccioli di gatto sono stati uccisi in poco tempo a Cassinetta di Lugagnano, in provincia di Milano, vittime di quello che l'Aidaa (Associazione italiana per la difesa di animali e ambiente) definisce ormai "il serial killer" dei mici. Tutti uccisi con un macabro rituale: sempre lo stesso, ripetuto ossessivamente quasi a volere mandare un messaggio. I gattini, tutti in tenerissima, età vengono levati a mamma gatta e poi inseriti in una scatola di scarpe. La stessa viene poi infilata in un sacchetto abbandonato sempre davanti allo stesso cancello.

In molti casi i gatti sono morti soffocati in quanto il sacchetto veniva chiuso e quindi, una volta finita la poca aria contenuta, morivano per asfissia. In altri casi la morte è intervenuta per fattori naturali causati dal distacco dalla mamma. Tutti i gattini in questione sono figli di gatte non sterilizzate appartenenti a una colonia che si trova in via Barbaiano. Dopo l'ennesimo ritrovamento di un sacchetto contenente micini appena nati avvenuto, Aidaa ha deciso di mettere una taglia di 6.000 euro.

"Già da diversi mesi stiamo seguendo la situazione della colonia felina in questione - dice Lorenzo Croce, presidente nazionale di Aidaa - ma adesso, dopo l'ennesimo ritrovamento di una cucciolata di tre micini, fortunatamente vivi ma in condizioni pietose, abbiamo deciso di accelerare i tempi di intervento. E se da una parte chiediamo all'Asl e al sindaco di provvedere alla sterilizzazione di tutte le femmine della colonia, di cui siamo pronti ad assumerci la responsabilità - continua Croce - dall'altra parte invitiamo tutti i cittadini della zona e chi è a conoscenza di informazioni certe sul serial killer a fornircele e a fornirle ai carabinieri".
corriere.it

CHE VERGOGNA.
Davvero non capisco cosa possa spingere questi malati a compiere gesti così violenti. Spero venga trovato al più presto.

Nessun commento:

Posta un commento

Ciao, i commenti sono moderati, questo significa che saranno prima letti da me che gestisco il blog, assolutamente non per togliere la parola a nessuno, ma per evitare spiacevoli sorprese!

Lascia il tuo commento e torna a trovarmi!